sabato 3 marzo 2007

The O.C. 4.16 - "THE END'S NOT NEAR IT'S HERE"

Difficile cominciare questa recensione: si tratta dell'ultima puntata della 4a e definitiva serie di questo non lungo (se si pensa ad altri titoli come C.S.I., Buffy e X-files) ma controverso TV show. Difficile convincere della bontà delle avventure di Ryan & C., se si è vista anche solo una puntata della versione italiana, con scelte di doppiaggio che ne deturpano completamente i personaggi.

Io ho apprezzato ogni singolo istante della 4a ed ultima serie, ogni scena delle 16 puntate che ne hanno chiuso il corso.

Il team creativo è stato quasi sempre a livelli altissimi, montaggio e trovate narrative mi hanno stupito, il cast ha una professionalità e un'intensità impensabile rispetto alla 1a serie, confermando davvero l'altissima qualità di questo e di una fetta sempre più consistente di prodotti del "TV-entertainment-made-in-USA". La fetta che usa la testa, la fetta che "sa come":
1. emozionare, cosa che è di sicuro la più importante e difficile di TUTTE, in qualsiasi tipo di narrazione e in qualsiasi tipo di prodotto d'intrattenimento;
2. coinvolgere, incollare allo schermo;
3. in una parola divertire.

Questa puntata ha saputo farmi ridere e commuovere, possedendo la compostezza e l'epicità di una Fine con la F maiuscola. Ha saputo farmi entrare nei sentimenti dei personaggi, facendomeli sentire vicini e amici.
Non rimpiango di averli persi, però. Perchè quel che inizia finisce, portando con sè la sua giusta dose di malinconia. E lasciando qualcosa dentro.


Nessun commento: